8 Dicembre 2022

“Stasera, punto e a capo”, Massimiliano Gallo di scena al Troisi

NAPOLI – Nuovo imperdibile appuntamento di stagione al Teatro Troisi di via Leopardi, dove, da giovedì 24 novembre arriverà Massimiliano Gallo (nella foto di Gianni Biccari) con il suo spettacolo “Stasera, punto e a capo”. In scena fino a domenica 27 novembre e poi dal giorno 1 a domenica 4 dicembre 2022 (sabato 3 dicembre doppio spettacolo ore 18 e 21) nel teatro gestito da Pino Oliva, il lavoro porterà tra gli spettatori  la bravura di un attore, autore e regista sempre più apprezzato dal grande pubblico insieme a tante interessanti e profonde riflessioni. “Stasera, Punto e a Capo – scrive Massimiliano Gallo nelle sue note allo spettacolo – Si mette un punto per ricominciare. Cominciare da capo, riprendere, ma non per forza facendo un passo avanti. Si può ricominciare anche tornando un po’ più indietro. Azzerando, portando a zero, cancellando, annullando quello che di buono non si è fatto. Quello che buono non è. E allora facciamolo: generazioni a confronto! Per capire se questa vita è quella che ci siamo scelti, la migliore soluzione per noi, o quella che ci hanno preparato. Avremmo bisogno di tre vite in verità: una per sbagliare, una per correggere gli errori, una per riassaporare il tutto. Io un po’ la invidio la mia adolescenza, invidio i miei anni ottanta! Gli anni della fiducia, del benessere, della positività. I primi videoclip, gli Swatch, la New Wave, il Commodore 64, il Muro di Berlino, Canale 5, la donna in carriera, il telefono a gettoni, Reagan e Gorbaciov. Vorrei uno spettacolo straordinario, una festa, un motivo per rincontrarsi e ridere di come eravamo, di quello che siamo diventati. Farà bene a quelli della mia generazione e farà bene anche ai millennium, che sorrideranno al pensiero di come vivevano i loro genitori. Sarà uno splendido viaggio, fatto di parole, immagini e canzoni. Voglio dividere con voi le mie emozioni più grandi. Ho un sogno rispetto a questo spettacolo: vorrei stupirvi, lasciarvi a bocca aperta e affidarvi una sensazione di gioia che vi accompagni per giorni. Mi piacerebbe farvi tornare un po’ bambini, per darvi la possibilità di riscoprire quello che abbiamo perso in questi anni. Siamo migliori di come siamo, e forse lo abbiamo dimenticato. I miei compagni fissi in questo viaggio, saranno come sempre Shalana Santana, Pina Giarmanà e cinque straordinari musicisti. Con loro al mio fianco mi sento al sicuro. Non vedo l’ora di stringervi, non vedo l’ora di buttarvi le braccia al collo… Se ce lo consentiranno, è chiaro. Buio in sala, che la festa cominci!”.