back to top
giovedì, Luglio 25, 2024
HomePrimoPianoBreakingOscar per il miglior film a "Oppenheimer", niente da fare per "Io...

Oscar per il miglior film a “Oppenheimer”, niente da fare per “Io Capitano” di Garrone

LOS ANGELES – Nella notte degli Oscar, il palcoscenico più prestigioso del cinema mondiale, il fervore e l’emozione hanno raggiunto il culmine. Tra le stelle scintillanti e le telecamere pronte a catturare ogni momento, una serie di vincitori hanno ricevuto il riconoscimento supremo per il loro impegno e la loro arte. Tuttavia,  “Io Capitano” di Matteo Garrone non è riuscito a portare a casa la tanto agognata statuetta. Invece, è stato il film britannico “La Zona d’Interesse” di Jonathan Glazer ad aggiidocarso  il premio per il Miglior Film Internazionale. Una vittoria sorprendente che ha dimostrato la varietà e la qualità del cinema globale.

Ma il vero protagonista della serata è stato “Oppenheimer”, il cui nome risplenderà per sempre nella storia degli Oscar. Con ben sette premi attribuiti, il film ha incantato il pubblico e la critica, guadagnandosi il titolo di Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Attore per Cillian Murphy, Miglior Attore non Protagonista per Robert Downey Jr., Miglior Colonna Sonora, Miglior Fotografia e Miglior Montaggio. Una vera e propria ondata di trionfo che ha suggellato l’eccezionale lavoro svolto dal team dietro questo capolavoro cinematografico.

Ma non è stata l’unica pellicola ad ottenere riconoscimenti significativi. “Povere Creature” ha portato a casa quattro meritati premi, tra cui quello per l’interpretazione di Emma Srone e per la scenografia, il trucco e l’acconciatura. Una dimostrazione di talento e maestria che ha illuminato la serata.

Tra gli altri vincitori della notte, spiccano “The Holdovers” con l’attrice non protagonista Da’Vine Joy Randolph, “Anatomia di una Caduta” per la Miglior Sceneggiatura Originale, e “American Fiction” per la Sceneggiatura Non Originale. La canzone “What Was I Made For?” tratta da “Barbie” ha conquistato il cuore degli spettatori, mentre “Il Ragazzo e l’Airone” ha sollevato gli animi con la sua vittoria tra i film di animazione.

Inoltre, i migliori effetti visivi sono stati riconosciuti a “Godzilla Minus One”, mentre il documentario “20 giorni a Mariupol” ha illuminato le ombre della realtà, portando alla luce l’invasione russa dell’Ucraina con una narrazione toccante e autentica.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments