Carabinieri tra la movida napoletana che diventa sempre più giovane

NAPOLI – Movida sempre più in evoluzione e sempre più giovane. Da questa considerazione partono i controlli dei carabinieri della compagnia Vomero che questa notte hanno setacciato le zone maggiormente frequentate dai ragazzi. Non si lascia nulla al caso e si presidia ogni possibile zona di afflusso come le fermate metro dove i militari sono equipaggiati di metal detector.
Sono diverse le azioni che nella vita evitano una moltitudine di epiloghi. Nel caso dei controlli dei carabinieri può succedere che una sanzione al codice della strada possa prevenire un incidente; ma anche solo la presenza di una “gazzella” può evitare che una rapina venga consumata. Un sequestro, ad esempio di un coltello, può salvare la vita di qualcuno o, perché no, anche la vita di chi quell’arma la stringe tra le mani.
Siamo in piazza quattro giornate e i carabinieri fermano un 15enne. Ci troviamo a due passi dai giardinetti e tra quelle panchine il ragazzo è in compagnia di altri coetanei. Durante il controllo l’atteggiamento spavaldo si tramuta in pochi secondi in ciò che deve essere normale: la consapevolezza per tutti di avere solo 15 anni.
La tensione sparisce e la mano ancora innocente che impugna un coltello di 10 centimetri si apre come un gesto di resa. I carabinieri sequestrano l’arma, denunciano il minorenne e lo affidano ai suoi genitori.
Poco meno di 100 le persone (tutti giovanissimi) controllate e diverse le sanzioni al codice della strada. Saranno alla fine una decina, invece, i ragazzini sorpresi all’interno dei parchi pubblici e delle aree verdi della zona collinare in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti. Saranno segnalati alla Prefettura. Controlli questa notte anche per i carabinieri della compagnia Napoli Bagnoli che insieme ai militari del reggimento Campania hanno effettuato un servizio a largo raggio nelle zone della movida partenopea tra Bagnoli, Fuorigrotta e Posillipo.
A finire in manette Francesco Annunziata*, 64enne già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato trovato a via Marco Aurelio nonostante avesse l’obbligo di rimanere in casa perché sottoposto alla detenzione domiciliare.
Sono 5, invece, i parcheggiatori abusivi denunciati. Nella lente dei controlli anche il rispetto del codice della strada con 15 sanzioni per un totale di 7mila euro e 4 scooter sequestrati. Diversi i ragazzi segnalati alla Prefettura perché trovati con modiche quantità di droga.

L’articolo Carabinieri tra la movida napoletana che diventa sempre più giovane proviene da Prima Campania: news 24 ore su 24.