Riparte la sfida per diventare Pastry Ambassador 2026 Molino Dallagiovanna

NAPOLI – Con l’apertura delle iscrizioni è partita ufficialmente la seconda edizione di Pastry Bit Competition, la gara rivolta ai professionisti della pasticceria ideata da Molino Dallagiovanna in collaborazione col maestro Leonardo Di Carlo, pioniere della Pasticceria Scientifica che ha rivoluzionato il modo di lavorare in laboratorio con metodi semplificati a favore di risparmio di tempo, energie e qualità della vita del pasticcere moderno. Confermata anche la partnership col Gambero Rosso, primo gruppo editoriale multimediale in Italia nel settore Wine Travel Food.
Ci sarà tempo fino al 31 marzo 2024 per richiedere di partecipare alla gara che assegnerà il titolo di “Dallagiovanna Pastry Ambassador 2026”, volto ufficiale del Molino per la pasticceria in Italia e nel mondo. Per iscriversi e conoscere il regolamento occorre accedere al sito di Molino Dallagiovanna nella sezione dedicata all’iniziativa (https://www.dallagiovanna.it/pastry-bit-competition-2).
Tra coloro che compileranno il form di iscrizione verranno selezionati i 108 pasticceri che si sfideranno, 12 per tappa, nelle 9 gare regionali in programma da maggio a ottobre in tutte le zone d’Italia. In questa fase la sfida verterà sulla Crostata moderna da forno da preparare senza l’utilizzo di frutta fresca e creme da frigorifero.
I migliori tre pasticceri di ogni tappa regionale si qualificheranno per una delle 3 semifinali che si svolgeranno in una rinomata località sciistica nel prossimo inverno. In alta quota la sfida si sposterà sul Bignè dinamico da condividere. La fase finale, a cui accederanno i migliori 3 di ogni semifinale, si dividerà in due momenti: il primo a giugno 2025 in CAST Alimenti, la Scuola dei mestieri gastronomici di cui Molino Dallagiovanna è partner da molti anni a sostegno della formazione e dell’eccellenza delle professioni, il secondo a settembre presso la sede del Molino in occasione della Festa dei Granai. In CAST Alimenti i 9 pasticceri finalisti dovranno realizzare un lievitato sfogliato; al Molino, invece, l’ultima sfida consisterà nella valutazione del panettone con impasto al cioccolato che dovrà essere realizzato solo con lievito madre vivo e senza creme siringate all’interno. Vietato l’uso di semilavorati o mix per grandi lievitati.

Commenta per primo

Lascia un commento