Pastry Bit Competition, il 21 maggio si parte con le gare regionali

ROMA – Il 21 maggio, con l’inizio delle gare regionali, entra nel vivo la seconda edizione di Pastry Bit Competition, la gara rivolta ai professionisti della pasticceria ideata da Molino Dallagiovanna in collaborazione col maestro Leonardo Di Carlo, pioniere della Pasticceria Scientifica. Anche in questa edizione media partner è il Gambero Rosso, primo gruppo editoriale multimediale in Italia nel settore Wine Travel Food. In palio il titolo di “Dallagiovanna Pastry Ambassador 2026”, volto ufficiale del Molino per la pasticceria in Italia e nel mondo.
I 108 pasticceri, selezionati tra gli oltre 300 professionisti che da gennaio ad aprile hanno fatto richiesta di partecipazione sul sito del Molino, si sfideranno nelle 9 gare regionali in programma da maggio a ottobre in tutte le zone d’Italia. In ogni tappa ci saranno 12 pasticceri che si sfideranno sulla preparazione di una Crostata moderna da forno da realizzare senza l’utilizzo di frutta fresca e creme da frigorifero.
Quest’anno a ospitare la prima delle 9 gare regionali è la Puglia, dove martedì 21 maggio presso Francesco Lavermicocca Arredamenti di Capurso (BA) si sfideranno i primi concorrenti.
I migliori tre pasticceri di ogni tappa regionale si qualificheranno per una delle 3 semifinali che si svolgeranno in una rinomata località sciistica nel prossimo inverno. In alta quota la sfida si sposterà sul Bignè dinamico da condividere. La fase finale, a cui accederanno i migliori 3 di ogni semifinale, si dividerà in due momenti: il primo a giugno 2025 in CAST Alimenti, la Scuola dei mestieri gastronomici di cui Molino Dallagiovanna è partner da molti anni a sostegno della formazione e dell’eccellenza delle professioni, il secondo a settembre 2025 presso la sede del Molino in occasione della Festa dei Granai. In CAST Alimenti i 9 pasticceri finalisti dovranno realizzare un lievitato sfogliato; al Molino, invece, l’ultima sfida consisterà nella valutazione del panettone con impasto al cioccolato che dovrà essere realizzato solo con lievito madre vivo e senza creme siringate all’interno. Vietato l’uso di semilavorati o mix per grandi lievitati.
A giudicare i pasticceri in gara sarà una giuria qualificata composta da esperti, blogger e giornalisti del settore, tra i quali rappresentanti del Gambero Rosso. In occasione delle tre semifinali, alla giuria di esperti si affiancherà una giuria popolare. A partecipare in qualità di giurato, a partire dalle semifinali, anche il testimonial della Pastry Bit Competiton Leonardo Di Carlo.