Serie A: nel posticipo la Roma umilia il Cagliari di Ranieri e vince 4-0

ROMA – Sotto la guida di Daniele De Rossi, la Roma ha ottenuto la sua terza vittoria consecutiva, avvicinandosi alla zona Champions League con un’impressionante vittoria per 4-0 contro il Cagliari allo Stadio Olimpico. Questo successo ha portato i giallorossi al quinto posto in classifica, a soli un punto di distanza dall’Atalanta che occupa la quarta posizione, accendendo l’entusiasmo della città in vista del prossimo incontro contro l’Inter, attuale capolista.

Il Cagliari è stato messo sotto pressione sin dall’inizio, con il gol apripista di Pellegrini, seguito da una doppietta di Dybala e un gol di Huijsen nel corso della partita, che non ha mai visto la Roma in reale difficoltà, tranne per un breve momento quando un rigore è stato assegnato a Lapadula per poi essere annullato dopo la revisione al VAR. De Rossi ha confermato la sua preferenza per il modulo 4-3-3, includendo anche l’esordio di Angelino, mentre Ranieri, accolto con applausi dai suoi ex tifosi, ha optato per un 3-5-2 che non ha sortito gli effetti sperati.

Il vantaggio iniziale è stato segnato da Pellegrini, che ha sfruttato un pallone vagante nell’area piccola, segnando il suo terzo gol in altrettante partite sotto la guida di De Rossi. La Roma ha dominato il gioco, creando numerose occasioni e raddoppiando il punteggio con Dybala, che ha concluso brillantemente un’azione da lui stesso avviata. Nonostante un breve sussulto del Cagliari con un rigore guadagnato da Lapadula, poi annullato dal VAR, la Roma ha continuato a dominare nel secondo tempo, con Dybala che ha trasformato un rigore e Huijsen che ha siglato il quarto gol.

La vittoria ha rafforzato la posizione della Roma in vista della qualificazione alla Champions League, dimostrando l’efficacia della “cura De Rossi”. Prima del match, è stato anche reso omaggio a Giacomo Losi, leggenda della Roma scomparsa recentemente, con un video emozionale e un lungo applauso, sottolineando il legame profondo tra la squadra e la sua storia.

Commenta per primo

Lascia un commento